Topnews - ANSA.it

Pedivigliano e le sue origini

Il quartiere di Pedivigliano è del tutto originario da Cupani, da dove il suo popolo partì per i disastri accaduti della peste e dei terremoti, per i pesi universali che si erano resi insoffribili a cagione della mancanza dei cittadini e per altre occasioni.

La fondazione di questo quartiere non può essere più antica dell’anno 1512, perché negli strumenti, parlamenti e privilegi seguiti verso questo anno nella lite del demanio di questa Città (Scigliano) col Conte di Martirano, non si fa menzione alcuna di Pedivigliano; ma solo degli altri quartieri. Cresciuta poi questa popolazione verso la metà del secolo XVI, formò comunità separata e distinta con Sindaco ed Eletti, e litigò lungo tempo in Regia Camera coi cittadini di Cupani per cagion dei fuochi; per la qual cosa, a favore di costoro sul dì 15 e 22 dicembre 1572 ne uscì l’arresto 312 rapportato dal Marinis.

Dopo questo spiato l’università di Cupani, e quella di Pedivigliano vennero tra di loro in convenzione, come si rileva da uno strumento rogato dal Notar Petronio di Petrone l’ultimo di maggio 1575.

 

Antico quartiere di Scigliano, che sorse dalla frazione Cupani, all'inizio del XVI secolo, in seguito alla peste e ai terremoti che colpirono le popolazioni locali, decimandole. Sembrerebbe che alcune famiglie di Cupani si siano spostate dal luogo chiamato Percurajo e da qui avrebbero fondato il quartiere di Pedivigliano, comunità separata da Scigliano con un proprio sindaco e un proprio consiglio.
Fu fondato ai piedi del vecchio centro di Villanova (onde probabilmente il suo nome) che era il casale più antico di Scigliano, fondato dai cittadini di Motta Santa Lucia.Questi, in contrasto con il vassallaggio del conte Martirano, si spostarono con tutte le loro famiglie nel vicino casale di Villanova, grazie al consenso dato loro dal Vicerè D. Pompeo Cardinale Colonna nel 1530. Qui costruirono anche un Chiesa Parrocchiale dedicata al Salvatore del mondo e a San Giovanni Evangelista. Il Casale di Pedivigliano, subì spesso perdite di territorio ad opera di signorotti e baroni confinanti: fu così che il barone di Pittarella, si appropiò abusivamente di parecchi ettari di territorio,estendendo i propri confini di Pittarella fino a Pedivigliano.
Sull'origine del nome ci sono solo ipotesi: alcuni lo fanno derivare da Villa Pediviliani, da un Pedivilius o Peduilius, altri da un toponimo Pedevillanus, " ai piedi della villa",anno 1917, Pedevillano.Per effetto del decreto n° 922 del 1811, ad opera di Gioacchino Murat, fu istituito il comune di Pedivigliano, comprendente anche i villaggi di Pittarella, Villanova e Borboruso (denominato Barbarossa). Pedivigliano ritornò ad essere Casale di Scigliano dal 1928 al 1937. In particolare Pedivigliano ebbe un ruolo nelle vicende di brigantaggio che caratterizzarono gli anni intorno al 1806. Tale fenomeno conobbe qui un'intensità ed un efferratezza notevoli e fu per questo motivo che subì il saccheggio da parte del generale francese Reynier, che nell'estate del 1806, si era accampato presso Scigliano reduce dalla vittoria sui briganti di San Givanni in Fiore. Fu in questa circostanza che il suo esercito fu preso di mira dalle bande capeggiate dal brigante Nierello di Pedivigliano, terrore del circondario per la sua ferocia. Questi però fu battuto e messo in fuga dalle truppe della fanteria francese che si riversarono poi nel villaggio e lo saccheggiarono dei denari, dei beni e delle riserve alimentari. L'abitato di Pittarella invece era famoso in tutta la Calabria per le sue donne che si diceva fossero "magare" o megere, esperte di arti magiche o "malie". Venivano per consultarle dai luoghi più remoti e perciò tutto l'abitato di Pittarella diventò un luogo venerabile e religioso. Inizialmente erano solo in Pedivigliano, poi se ne sparsero dappertutto e la triste nomea non si limitò più al villaggio di Pittarella. Il nome stesso Pittarella sembra che derivi da Pethar che in ebrepo significa interpretare i sogni, e che esso sia stato poi modificato in Petorel, e volgarmente in Petorella e Pittarella. Nel mese di Marzo, in Pittarella, ma anche in altri casali, si faceva un rito propiziatorio che simboleggiava la cacciata dal villaggio delle streghe: si percorrevano tutte le strade in lungo e in largo correndo e suonando dei campanacci e gridando contemporaneamente: "E' ventu Marzu", perché si diceva che a Marzo vanno in giro le steghe o magare.Le magare con le loro erbe, con i filtri facevano ammalare o producevano disgrazie perciò erano molto temute e rispettate.Correntemente erano chiamate cummari.
L'abitato di Pedivigliano è ubicato ad un'altitudine di circa 580 metri d'altezza, ai piedi dell'altopiano di Borboruso, su una stupenda collina da cui è possibile osservare un ampio panorama dell Valle del Savuto.Quando le giornate sono più terse, sullo sfondo è visibile il mar Tirreno e all'orizzonte le isole Eolie con il cono dello Stromboli fumante. Pedivigliano ha un clima molto mite essendo situato a metà tra il mare e i monti e in cui si sono ben sposati il vecchio e il nuovo: moderne costruzioni sorte alla periferia dell'abitato storico circondano armoniosamente le vecchie costruzioni, il cuore antico del paese con la sua piazzetta, le sue innumerevoli viuzze, i vicoli lastricati in pietra, le case abbracciate le une alle altre spesso sormontate da richi ed antichi archi con i loro tetti caratteristici.

Comune di Pedivigliano

PIAZZA F.TALARICO
SARSALE, 4
87050 Pedivigliano (CS)
tel.0984 96 61 05 - fax 0984 98 60 49  - P.Iva 00405550781
http:\\www.comune.pedivigliano.cs.it     E-mail: info@comune.pedivigliano.cs.it
PEC:  protocollo.pedivigliano@asmepec.it 

Sito ottimizzato per Internet Explorer 7e Mozilla Firefox

HTML 4.01 Strict Valid CSS
Pagina caricata in : 0.122 secondi
Powered by Asmenet Calabria